"in onda" Trasmissioni 2013

Puntata nr. 4 del 5 maggio 2013

I giovani agricoltori scoprono l’appennino

Quanti sono i giovani conduttori di aziende agricole con meno di  40 anni in Emilia-Romagna? Secondo i dati della Regione, al 2010 sono erano poco pi meno di 5mila e 600, in calo del 47% rispetto al 2000.
Il 57,74 % di questi lavora ed ha l’azienda in pianura, il 28,37 % in collina ed il 14% in montagna.
Gli agricoltori  di oltre 55 anni con un successore nel nucleo familiare, infatti, ci sono, e queste aziende presentano una caratteristica fondamentale all’insediamento dei giovani successori: una Superficie media aziendale superiore ai 37 ettari, valore decisamente elevato rispetto allo scenario nazionale. Ma è l'attività agrituristica che attira i giovani. L'esperienza di Albertina Mucciarini e Chiara Bonvicini dell'agriturismo Serra Parenti, a Pavullo e l'analisi di Manuel Quattrini della Cia del Frignano

 
Che incanto quei prodotti!

Più sostegno ai giovani affinché  possano ampliare le proprie imprese e sviluppare le attività agricole. E’ questo l’appello che ha lanciato la Cia dell’Emilia da Romagna da Sestola nel gennaio scorso assieme alle associazioni, Agia (gli imprenditori agricoli ‘under 40’), Donne in campo e Anp (Associazione pensionati) nel corso di un convegno sul ricambio generazionale in agricoltura.
Nell’ambito dell’evento, a Passo del Lupo si è svolto il Primo trofeo Cia Emilia Romagna di sci chiamato ‘Environment &Agriculture’ aperto a tutti gli amici dell’agricoltura dove hanno fatto da apripista i prodotti tipici dell’Emilia Romagna: la pesca e la pera Igp, il Parmigiano Reggiano, l’Aceto Balsamico Tradizionale di Modena Dop, ma anche il lambrusco. Ha messo gli sci anche l’Assessore regionale all’Agricoltura dell’Emilia Romagna, Tiberio Rabboni, indossando il costume da Zampone di Modena.
A distanza di tre mesi, quei costumi hanno dato vita ad un’altra iniziativa chiamata “Che incanto quei prodotti” che è anche stato il titolo di una serata a di beneficienza svolta presso l’agriturismo “I Salici” di Anzola Emilia.
La serata ha fatto seguito all’evento di Sestola e il ricavato della vendita all’asta dei simpatici costumi verrà utilizzato per un progetto dal nome  ‘Costruisci un orto in città’, che coinvolgerà una scuola primaria della provincia di Ferrara danneggiata dal terremoto.
 
Vincenzo Amadori, direttore Cia Emilia Romagna
Cristiano Fini, presidente Cia Modena
Enrico Corsini, presidente Aceto Balsamico tradizionale di Modena
Monica Gabusi, Sarte D’Arte
Sofia Trentini, Associazione Donne in campo

Copyright © 2011 Acieloaperto. Tutti i diritti riservati. P.I./C. Fiscale 02707910366.