"in onda" Trasmissioni 2012

Puntata nr 4 del 13.05.2012

Agroalimentare al Cibus: il settore vale il 15% del Pil nazionale

Vale il 15 per cento del prodotto interno lordo e ogni anno arriva a muovere 245 miliardi di euro tra consumi, export, distribuzione e indotto: è l’agroalimentare italiano, in mostra alla sedicesima edizione “Cibus”, il Salone internazionale del gourmet e della buona tavola che ha chiuso i battenti alla Fiera di Parma nei giorni scorsi.
Nonostante la crisi economica l’agroalimentare italiano cresce ancora oltreconfine, e non solo sui mercati tradizionali. E a “tirare” di più all’estero sono il Parmigiano reggiano (più 22 per cento), i prodotti da forno e salumeria, l’aceto balsamico.

Le aziende espositrici erano circa 2300, e tra gli obiettivi principali della fiera la presentazione dei prodotti alimentari dell’industria italiana ed il confronto con gli operatori e con la Grande distribuzione.
Nei padiglioni erano esposti i prodotti del lattiero caseario, della carne, del pomodoro, della pasta, dell’olio, dei piatti pronti, del biologico, del dolciario e di tutte le altre categorie del food.
Tante le novità di prodotto in esposizione a Cibus, in particolare quelle rivolte ai consumatori che hanno intolleranze alimentari i come la mozzarella Dop senza lattosio o palline di mais cotte al forno senza glutine.
Ma è il nostro “re dei formaggi’ che oltre a godere di ottima salute in questo momento, resta uno dei prodotti che valorizzano il made in italy.
Un prodotto che non teme la crisi e che vede crescite constanti nel tempo è l’aceto balsamico di Modena Igp, ad indicazione geografica protetta, una delicatezza che viene esportata in tutto il mondo.

Nella culla del prosciutto, Parma appunto, c’è chi dalla spagna propone prosciutti di super nicchia, un patanegra ottenuto con suini allevati allo stato completamente brado e alimentato solo da ghiande: saporito, per appassionati e per chi è disposta a spendere veramente tanto.

Interviste a:
Aldemiro Bertolini, presidente Ente tutela Parmigiano- Modena
Sabrina Federzoni, Consorzio Filiera Aceto Balsamico di Modena
Clara Vega Lanza, Arturo Sànchez Jamones Ibèricos

---------------------

Balsamico tradizionale: assaggi in vista del Palio di San Giovanni

Hanno preso il via gli assaggi ad opera dei maestri di Aceto balsamico Tradizionale di Modena, un rito che ogni anno viene riproposto in vista del Palio di San Giovanni che a giugno incoronerà il miglior produttore del prezioso ‘oro nero’.
I Consorzi del Balsamico, compresi gli enti che tutelano l’Igp, svolgono un’azione di rappresentanza delle imprese produttrici e di vigilanza sul prodotto, ma sono in corso sinergie tra le numerose sigle.

Interviste a:
Enrico Corsini, presidente del Consorzio Aceto Balsamico Tradizionale di Modena

---------------------

Un corso Ausl per mettere a norma le trattici agricole

La sicurezza dei mezzi agricoli al centro di un corso di formazione rivolto a meccanici di officine e riparatori di macchine agricole che dovranno poi mettere a norma mezzi ancora utilizzati e dotarli di accorgimenti salva vita.
L’intervento formativo si svolgerà il 22, il 25 ed il 26 maggio.

Interviste a:
Renato di Rico, - Ausl Modena
Giovanni Landi -  Ausl Modena

---------------------

Contenitori di fitofarmaci, ancora incertezze su chi deve ritirarli

Non è ancora stata data una soluzione al problema dello smaltimento dei rifiuti agricoli perchè le nuove disposizioni nazionali hanno di fatto sospeso gli accordi che il Consorzio fitosanitario aveva attivato con aziende del territorio che si occupavano del corretto smaltimento. Ora gli agricoltori stanno stoccando in azienda i contenitori vuoti di fitofarmaci, ma ormai – sostengono - è tempo porre rimedio al problema.

Interviste a:
Cristiano Fini, pres. prov. Cia Modena

 

Copyright © 2011 Acieloaperto. Tutti i diritti riservati. P.I./C. Fiscale 02707910366.