"in onda" Trasmissioni 2011

Puntata nr 19 del 20.11.2011

 

Agricoltura, i giovani fanno impresa con passione
Il ricambio generazionale in agricoltura è più difficile di altri settori ma non impossibile: molti giovani scelgono di restare nell’ azienda agricola di famiglia con in tasca progetti di sviluppo dell’attività e la voglia di investire. L’azienda Vandelli, a Castelnuovo Rangone, è ad indirizzo zootecnico con 120 capi da latte per il parmigiano reggiano. Oltre A Giorgio e la moglie Liliana, prendono parte attivamente le figlie Daniela di 31 anni e Simona che ne ha 26.
L’organizzazione aziendale prevede mansioni ben precise ad ognuno dei componenti della famiglia che assicura l’efficienza produttiva ad una impresa complessa nelle sue declinazioni quotidiane.
Intervista a: VandelliGiorgioLuciana (moglie), Daniela e Simona.

A Stiolo di San Martino in Rio, in provincia di Reggio, un’altra famiglia di allevatori ha investito nel settore zootecnico, forte di una disponibilità di preziose risorse umane della famiglia. L’azienda agricola Biondi produce latte per il parmigiano reggiano con 170 bovine in lattazione, ed un centinaio di ettari, tra proprietà e affitto, da gestire, compreso un vigneto. Giuseppe, il conduttore, chiamiamolo anziano, ed i figli Bruno e Fabrizio portano avanti l’azienda. Ma un supporto importante lo da anche la moglie di Bruno, Nicoletta, ed in prospettiva collaboreranno le loro figlie.
Parla Bruno Biondi, allevatore

 

Nuova strada, azienda agricola più efficiente
Le attività imprenditoriali non possono svilupparsi se non hanno a disposizione una buona viabilità, necessaria anche  per creare le condizioni favorevoli  agli agricoltori di montagna che svolgono un importante presidio del territorio.
Intervista a Attilio Amidei, agricoltore

“Una tavola grande come l’Europa” e la scienza diventa gioco
Una scuola elementare di Soliera, assieme ad altre in provincia di Piacenza, Parma, Reggio Emilia, coinvolte in un progetto die educazione alimentare chiamato Europass
Nella 4 e quinta classe della scuola elementare di Soliera, fino al  21 novembre si giocherà a “Una tavola grande come l’Europa… anzi di più”, un modo per fare educazione alimentare ai bambini portandoli in un viaggio alla scoperta dei Paesi europei e dei piatti tradizionali. L’iniziativa fa parte di un progetto realizzato dall’Associazione culturale Googol e finanziato da Europass (www.europass.parma.it), l’ufficio istituito dalla Provincia di Parma e dalla Regione Emilia-Romagna per i rapporti fra istituzioni locali. Il progetto consiste in un percorso didattico che fra gioco ed esperimento insegna ai bambini delle scuole elementari ad individuare gli alimenti tipici di ogni Paese d’Europa come parte fondamentale di un patrimonio culturale e a toccare con mano la scienza applicata alla tavola.
Come si svolge? Si tirano i dadi e ad ogni tappa del cammino ai bambini verranno proposti semplici esperimenti di scienza degli alimenti sui componenti di base dei cibo, cioè zuccheri, proteine, lipidi, ma ci saranno anche esperienze sensoriali per imparare a riconoscere i vari gusti.

Copyright © 2011 Acieloaperto. Tutti i diritti riservati. P.I./C. Fiscale 02707910366.