"in onda" Trasmissioni 2011

Puntata nr 10 del 19.06.11

 

Il cetriolo non ha colpe
Come sia passato un batterio di origine fecale come quello dell’escherichia coli a produzioni orticole, non è ancora chiaro, fatto sta che le conseguenze sono state tragiche per decine di persone e devastanti sul piano economico, generando un allarme tra i consumatori di portata internazionale. C’è stato un crollo dei consumi e dell’export in generale
e l’epidemia da Escherichia, che si è sviluppata in Germania e che non ha coinvolto il nostro Paese, ha generato l’ennesima emergenza sanitaria tirando in ballo tutto il settore alimentare dei prodotti freschi.
Nei giorni scorsi il Ministro dell’agricoltura ha firmato il decreto che avvia il ritiro dal mercato dei prodotti interessati dalla crisi con l’obiettivo di correggere, almeno parzialmente, le distorsioni che il mercato ha subito a causa della crisi.
I prodotti interessati all’intervento straordinario sono cetriolipomodoriinsalateindiviepeperoni e zucchine.
Tuttavia il consumatore si fida delle produzioni made in Italy, e ancora una volta la filiera corta esce vincente da episodi come quello generato dal batterio.
Silvano Vitali, di San Felice sul Panaro, fa vendita diretta e nel suo caso non ci sono stati contraccolpi perché la formula dal campo alla tavola convince i consumatori
Silvano e Antonella Vitali, agricoltori

Tuttavia in  Europa il settore ha perso in pochi giorni milioni di euro, la Russia ha bloccato temporaneamente le importazioni. L’Unione Europea, dal canto suo ha stabilito un importo per gli aiuti insufficienti per compensare i danni subiti.
Cristiano Fini, presidente provinciale Cia

 

Il grano è maturo: al via la campagna cerealicola
Le piogge primaverili e quelle d’inizio giugno avevano fatto pensare ad un avvio tardivo di campagna cerealicola, ma alla fine il frumento ha recuperato in fretta ed è giunto a maturazione. 

Massimo Alberghini, direttore Apima
TullioVainerCarlo e Luca Stefanini, Azienda agromeccanica Stefanini Tullio

Inserimento e miglioramento delle aziende agricole in circuiti turistici nonché la valorizzazione e la conoscenza degli elementi distintivi agricoli e del territorio rurale attraverso il potenziamento degli itinerari turistici ed enogastronomici e la creazione di reti di servizi pubblici e privati per la promozione dei territori interessati dagli stessi circuiti: sono queste le attività che ricadono nella Misura 313.
I beneficiari del provvedimento sono le Strade dei Vini e dei Sapori, gli enti locali e quelli di gestione dei parchi
Le tipologie di intervento riguardano la valorizzazione e l’implementazione di itinerari turistici come, ad esempio, la predisposizione locali per la degustazione di prodotti tipici locali e il recupero di edifici rurali da adibire a centri di informazione, ostelli e locande.
E’ previsto un contributo a fondo perduto del 70% fino ad un massimo di 210.000 euro e le domande vanno presentate entro il 1 luglio 2011

www.agrimodena.it

Copyright © 2011 Acieloaperto. Tutti i diritti riservati. P.I./C. Fiscale 02707910366.